L’obbiettivo della realizzazione dell’asilo nido comunale è stata inserito nel primo punto del programma 2016-2021 di Assisi Domani alla voce “Famiglia, relazioni, servizi per le persone e per la vita”. Per una vera politica di sostegno alla famiglia e alla natalità non a parole, ma nei fatti. Per rispondere allo scandalo di un’assenza.  Quella che sembrava un’utopia per le mamme, i papà, le famiglie di Assisi è ora realtà!!

Oggi, alla presenza di Stefania Proietti, sindaco di Assisi, di una rappresentanza della giunta comunale, degli uffici competenti, e con i progettisti l’arch. Rosaria Catana e l’ing. Marco Fagotti, è stata effettuata una prima visita della struttura con l’associazione ‘Sukyo Mahikari Italia’. L’associazione costituisce un importante tassello per l’edificazione dell’opera avendo scelto di investire risorse per contribuire alla costruzione. L’investimento del Comune, grazie anche alla Regione che ha inserito Assisi nella sperimentazione del sistema integrato 0-6 anni con contributi significativi, non è stato solo di ordine materiale.

L’ambiente del nido è luminoso, colorato e caldo. Il tetto verde, il teleriscaldamento, l’impianto a pavimento, gli impianti luminosi dimmerabili (la luce artificiale varia a seconda della luce naturale) sono tutte scelte ecosostenibili che ne fanno uno degli edifici più avanzati dal punto di vista ambientale. La scelta di progettare piccole corti interne aperte in cui crescono alberi, pozzi di luce che raccolgono attraverso le vetrate l’illuminazione naturale, vuole dare ai bimbi un senso di continuità con l’ambiente familiare della casa.

La volontà di dotare Assisi di un nido comunale è un atto socio-culturale per rispondere alle esigenze e alle difficoltà di tante famiglie. Un atto che va incontro alle necessità delle famiglie e soprattutto dei piccoli cittadini e delle piccole cittadine di domani, una scelta di accoglienza, trattandosi i nidi, per definizione, “luoghi di cura, di crescita, di socializzazione e di sviluppo”.